10 marzo 2020

Variabili di sistema (II)


Secondo articolo dedicato alle variabili di sistema descritte anche con immagini e video.

I testi e le immagini di questo articolo sono una riproposizione di quanto pubblicato nel canale Telegram (https://t.me/cadsemplicelegato a questo blog nel corso del secondo anno di attività. Il  primo articolo di questa serie è:Variabili di sistema (I).


Scopriamo o riscopriamo  - se già le conosciamo - alcune variabili del CAD, utili per risolvere rapidamente problemi o impostare i settaggi desiderati senza vagare tra i menù e finestre di dialogo del comando Opzioni.

Una breve carrellata supportata da immagini che, sono certo, aiuteranno a far comprendere meglio le loro funzioni.

PDFOSNAP

Quando il suo valore è pari a 1 è possibile rilevare gli osnap su oggetti presenti nel PDF inserito come ‘oggetto sottoposto’ (comando ALLEGAPDF o PDFATTACH in inglese)


LTGAPSELECTION

Questa variabile, introdotta con AutoCAD 2017, ha la particolarità di funzionare solo se è attiva l'accelerazione hardware e l’opzione geometria di alta qualità è attiva (dipende dalla scheda grafica in uso - vedi comando 3DCONFIG).

Con il valore pari a 1 si consente di selezionare gli oggetti tratteggiati anche eseguendo la selezione nello spazio vuoto presente nel tipolinea.

Inoltre si riesce a far rilevare i modi di osnap posizionando il cursore nell’area vuota del tipolinea.
Con il valore 0 si disattivano queste funzionalità.

Per chi lavora con file molto complessi e ricchi di linee adiacenti può essere utile conoscere l’esistenza di questa variabile.
Può aiutare molto durante la fase di selezione oggetti evitando di selezionare involontariamente linee tratteggiate (e non percepibili in quel momento) con una finestra interseca e simili.


TEXTEDITMODE

Quando si modifica il contenuto di un testo tramite doppio clic, alla fine della modifica viene riproposta la selezione oggetti per eseguire eventualmente la modifica di un altro testo.

Se trovate scomoda questa modalità, cambiare il valore della variabile TEXTEDITMODE a 1.
In questa maniera si evita che venga riproposta la selezione e si termina immediatamente il comando.


ROAMABLEROOTPREFIX

Memorizza il percorso completo della cartella principale in cui sono installati i file personalizzabili.
Ad esempio: ” C:\Users\Utente\AppData\Roaming\Autodesk\AutoCAD 2018\R22.0\enu\”
Nella sottocartella support, di questo percorso, potremo trovare il file .cuix (menu) , il .lin (tipi di linea), il .pat (modelli di tratteggio) utilizzati correntemente dal CAD.

TEXTLAYER

Una nuova variabile di sistema è stata aggiunta con l'aggiornamento 2020.1 di AutoCAD: TEXTLAYER.

Questa variabile può memorizzare il nome del layer su cui saranno posizionati i futuri testi e multitesti.

PLINEGEN

Cambia la modalità di rappresentazione dei tipilinea in prossimità dei vertici di una Polilinea 2D.

Se la variabile ha valore 1 la rappresentazione della polilinea è regolare e continua , potrebbe anche non materializzare un vertice della polilinea perchè capita in una zona di spazio tra due trattini.

Sa ha valore 0 in prossimità dei vertici ci saranno sempre dei trattini in maniera da materializzare il vertice all'intersezione dei 2 trattini.


COLORTHEME

Questa variabile permette di commutare rapidamente il tema dei ribbon in uso.
Con il valore di 0 si attiva la modalità DARK, mentre con il valore 1 si attiva la modalità LIGHT.

Rappresenta una alternativa a quanto si farebbe utilizzando il controllo presente nella scheda Schermo del comando OPZIONI.


MTEXTFIXED

L'impostazione di questa variabile con il valore 2 consente, durante l'editazione di un testo, che il testo venga reso 'leggibile' per consentire una più facile modifica.

Quindi se è troppo piccolo sarà momentaneamente ingrandito nell'editor o, se è ruotato, sarà riportato momentaneamente in orizzontale, come si vede nell'animazione seguente.

La variabile influenza l'editazione sia degli oggetti TESTO che dei TESTIM (testi multilinea) anche contenuti nelle quote



PSLTSCALE

Modificando il valore di questa variabile si cambia la rappresentazione dei tipi di linea nelle finestre dello spazio carta.

Cambiando il valore da 1 a 0 all'interno della finestra nello spazio carta la lunghezza dei tratti di tipi di linea tratteggiati diventano identici a quelli mostrati nello spazio modello.

LAYOUTREGENCTL

Questa variabile determina se nei passaggi da una scheda di Layout all'altra debba essere rigenerata la visualizzazione delle finestre presenti nel layout.

L'impostazione di default con valore 2 garantisce che il disegno venga rigenerato solo la prima volta che si accede al Layout.

Questo fa guadagnare tempo quando si passa da un layout all'altro.

Questa modalità naturalmente richiede una certa quantità di memoria al sistema; tanto più grande tanto più ci sono finestre (Viewport) nei layout.

Al contrario, se la variabile è impostata = a 0, ogni qualvolta che si cambia layout la finestra presente nel nuovo layout da visualizzare viene rigenerata.

Se comunque le operazioni nel disegno sembrano lente - con situazioni di PC aventi poca memoria RAM, disegni di grandi dimensioni con un alto numero di layout e di finestre - non è detto che l'impostazione della variabile a 2 sia la scelta migliore.

In questi casi perdere alcuni minuti per fare dei test può evitare in seguito tempi di attesa lunghi.

Con LAYOUTREGENCTL = a 1 si ha una possibilità intermedia:
La rigenerazione viene evitata solo quando si passa dalla scheda Modello all'ultima scheda di layout attiva e viceversa.

Il programma tiene in memoria praticamente solo le informazioni di 2 schede (Modello + 1 Layout) ottimizzando il consumo di memoria del sistema.

Nell'animazione seguente si nota come con il valore = a 0 ad ogni cambio di layout c'è una rigenerazione.
Con il valore 2 , dopo la prima rigenerazione. i successivi cambi di layout sono immediati.


SPACESWITCH

Quando ci si trova in un Layout nello Spazio Carta e si immette un doppio click su una finestra si attiva lo spazio modello di quella finestra.

Si ha la possibilità di inibire questa azione.
Mettendo la variabile SPACESWITCH uguale a 0 si disattiva la possibilità di 'entrare' nelle finestre tramite doppio click.

Può essere utile in caso di editing massivo da fare solo nello spazio carta o in presenza di utenti inesperti che , entrando involontariamente nelle finestre, potrebbero cambiare lo zoom (se la vista della finestra non è bloccata) o modificare oggetti presenti nello spazio modello.

Il valore delle variabile non viene salvato nel singolo disegno, pertanto una volta impostato è valido per tutti i disegni (nuovi ed esistenti).

Oltre che in AutoCAD la variabile è disponibile anche in GStarCAD.




Ti potrebbe interessare anche questo articolo: Variabili di sistema (I)

Nessun commento:

Posta un commento